Restare protetti dai raggi solari, sia in estate, ma anche nelle altre stagioni è sempre più importante, e la crema solare è una scelta fondamentale per restare all’aperto sotto il sole in modo sicuro per la nostra pelle. Conosci come funzionano le creme solari? Quante volte c’è bisogno di applicarle e cosa significa il fattore di protezione?

Domande a cui risponderemo in questo articolo, in cui ti spiegheremo come orientarti nella scelta della crema solare più adatta per le tue esigenze; l’importante è non uscire di casa e state esposti al sole nelle ore più calde della giornata senza aver messo la crema sulla pelle.

Come funzionano le creme solari?

Esistono due tipi di ingredienti attivi nelle creme solari: bloccanti fisici e assorbenti chimici. Gli assorbitori chimici assorbono le radiazioni UVA e UVB, mentre i bloccanti fisici fungono da schermo per proteggere la pelle. Molti prodotti usano una combinazione dei due.

La maggior parte delle creme solari suggeriscono una durata di 12 o 18 mesi dopo l’apertura. Conservare la crema solare ad alte temperature o alla luce diretta del sole può ridurne la durata. Quindi se hai portato con te la crema solare dell’anno scorso in spiaggia, potrebbe essere il momento di comprarne una nuova per non correre rischi!

Prima della stagione estiva di solito le farmacie offrono degli sconti, ma per risparmiare sull’acquisto puoi cercare le marche più note sui siti delle farmacie online, che offrono prezzi inferiori, questo sito recensisce le migliori.

Cosa significa il fattore di protezione?

Il fattore di protezione solare fornisce un’indicazione della quantità protezione contro le radiazioni UVB che la crema offre. Da anche un’indicazione di quanto tempo la pelle che è coperta dalla crema solare è protetta dai raggi UV, rispetto alla pelle non protetta.

Le protezioni variano da 0 a 50, e spesso una scelta indicata per la maggior parte dei consumatori è quella del fattore 30, ma se sei un fototipo con pelle chiara e capelli biondi che si scotta facilmente, meglio alzare la protezione, almeno nei primi giorni di esposizione intensa.

Gli organismi internazionali raccomandano di scegliere un prodotto con un fattore di protezione di almeno 15, mentre l’Associazione europea dei dermatologi suggerisce di optare almeno per il 30.
Nessuna crema comunque protegge al 100%, come spiega questo articolo della Fondazione Veronesi.

Cosa sono i raggi UVA e UVB?

Entrambi non sono visibili e sono tipi di radiazioni ultraviolette emesse dal sole, potenzialmente dannosi e collegati alla possibilità di sviluppare vari tipi di cancro della pelle, sebbene l’UVB sia la causa principale delle scottature. Le creme solari di solito offrono anche una certa protezione contro i raggi UVA, che  sono collegati all’invecchiamento precoce, un fenomeno che possiamo vedere su persone che sono state a lungo esposte al sole senza adeguata protezione.

Il sigillo UVA indica che un prodotto soddisfa la raccomandazione UE per le creme solari, che offrono un fattore di protezione UVA equivalente ad almeno un terzo del loro fattore di protezione (il numero indicato sulla confezione). Alcune creme solari utilizzano altri loghi, alcuni dei quali conformi agli standard di altri paesi. Ricordati che anche sotto l’ombrellone o in una giornata nuvolosa una certa quantità di raggi solari passerà comunque.

Quando dovrei applicare la crema solare?

L’indice UV fornito da molti siti di previsioni meteo, fornisce una buona indicazione della necessità di applicare la protezione solare in un dato giorno. L’indice varia da basso (un punteggio di uno o due), a molto alto (otto e oltre). Se l’indice è tre o più, vale la pena considerare l’uso della protezione solare. Attenzione un elevato indice UV non sempre coincide con il caldo, controlla anche in stagioni “fredde” È meglio applicare la crema solare almeno 15 minuti prima di uscire al sole. Gli esperti consigliano di riapplicarla ogni due ore, ma potrebbe essere necessario riapplicarlo prima di questo se si nuota o si sta sudando molto.

Le creme solari resistenti all’acqua mi proteggeranno?

Spesso si pensa che le creme solari che dichiarano di essere “resistenti all’acqua” siano molto efficaci, ma tieni presente che ciò non significa che siano impermeabili. Sai che le linee guida del settore per creme solari resistenti all’acqua consentono al fattore protezione di un prodotto di scendere del 50% dopo 40 minuti in acqua?